Poesie e racconti siciliani

POESIE E RACCONTI SICILIANI

SICILIAN POEMS AND TALES

ANTEPRIMA - PREVIEW

MUNTI LAURU

Abbìviru l’uocchi e l’arma mia

‘nta cimma chiù iauta ‘i Munti Lauru,

unni cumanna ‘u ‘mmernu fittu

ca niegghia uorba, cull’acqua a lievapilu,

e co’ ventu ca si trascina a petra niura,

‘nnucenti e nura.

 

‘Nta primavera, ‘nveci,

linzuoli bianchi accarizzunu a chiana a latu,

e viri anchiuvati rappi di armenti

ca pasciunu biati sutta l’antinni

e pari ca ‘u tempu nun ci passa mai.

 

Na nìvula cari ‘nto specchiu ‘i l’acqua

senza rumpillu.

 

A ‘menzu a terra brulla e i voschi,

spini durati e ruvetti virdi,

dopu ca a cugghiutu ‘n mazzu ‘i sparici

o ‘n panaru ‘i funci,

t’assetti,

e l’uocchi si pèrdunu

unni u cielu ancipriatu tocca a terra tènnira.

Ti pari ca sì ‘nti n’apparecchiu,

finu a quannu non ancontri a Muntagna: l’Etna,

e dduocu ti fai nicu nicu.

 

L’aria sempri fina trasi ‘nte purmuni.

U cielu da chiana è sempri chiù blu.

I nìvuli sunu sempri chiù bianchi.

L’erba è sempri a chiù virdi.

E di unni t’avoti voti, viri sempri ‘mpigni.

 

Ammucciati a menzu ‘e rammi

ci sunu ‘n caforu ‘i niri.

Ma non si vìrunu:

i ucidditti sunu troppu sperti.

 

 

 

Tanino Cannata

2007

 

L'UOGGHIU DI BUCCHIERI

Torna lu massaru d’a campagna,

stancu p’’o travagghiu d’a jurnata.

U sciccareddu è caricu e arragna.

Macari u suli pigghià a so’ calata.

 

I curbieddi sunu chini di uliva:

s’ha fari l’uogghiu, s’ha purtari ’nto trappitu.

I so’ figghi, ‘n trippu, aspettunu ca arriva,

e a mamma fa signali cu lu itu.

 

Eccu, arriva, è chiù beddu di nu zitu.

Abbrazza i figghi e talìa a s’a mugghieri.

“Di stamattina jhà ca nun ti viru”.

“Signu cca, cuògghimi comu ‘n piru”.

“Primma portu a uliva ‘nto trappitu

e ammentri passu lestu d’o barbieri”.

 

U ciàvuru ‘i l’uogghiu friscu u fa ‘mpazziri,

l’ommu torna ‘n casa allianatu,

c’’a varba fatta e prontu puru a murìri,

appattà precisa, è tuttu calculatu.

A muola scaccia a uliva e niesci l’uogghiu,

u maritu scaccia a mugghieri e fa u ‘mprogghiu.

 

L’uogghiu di Bucchieri addivintà mundiali

picchì u massaru ci ‘u metti tuttu u capitali.

 

 

 

Tanino Cannata.

 

LA PROVVIDENZA

 

 

In un piccolo paese di montagna della Sicilia esiste una statua, conservata in una chiesa, che rappresenta la Madonna della Provvidenza. Essa regge col braccio sinistro il bambinello Gesù; nell’altra mano ha un pane che dona ad un povero, che in paese viene identificato come S. Bartolomeo. La sua festa ricorre ogni anno la prima domenica del mese di Luglio con grande commozione di popolo.

In un pomeriggio dell’anno 1966 un giovanotto sui ventott’anni usciva dal municipio, dove lavorava, e fu avvicinato da un signore distinto, che era il rappresentante laico della chiesa dov’era conservata la statua della Provvidenza. Il signore gli disse, con aria grave, che la statua era caduta a terra subito dopo la festa, mentre cercavano di rimetterla a posto, e che le si era staccata la testa; che poi era stata riparata proprio bene e rimessa a nuovo da un valente scultore. Ma che adesso si doveva ridipingere tutta la testa. E chiese al giovanotto se era disposto ad eseguire tale lavoro. Questi era un pittore dilettante, non aveva studiato pittura, ma dicevano che aveva talento. Gli rispose subito di sì.

L’indomani si recarono insieme nella chiesa e il distinto signore fece vedere al giovane la statua, che era posta a terra, ad altezza d’uomo, in mezzo alla sagrestia. Il giovane gli disse che avrebbe iniziato il lavoro l’indomani. Il signore gli consegnò la chiave della chiesa e si salutarono.

Il giorno dopo, infatti, il giovane tornò nella chiesa, munito di pennelli, colori ad olio ed ogni altro occorrente, e cominciò l’opera.

Così fu ogni giorno. Il giovane mentre dipingeva il volto della Madonna della Provvidenza, la guardava negli occhi e si commuoveva sempre nel vedere la dolcezza di quello sguardo, tanto che gli sgorgavano le lacrime mentre continuava a lavorare. Dipingeva e la pregava. La pregava e dipingeva. Il silenzio era complice; sembrava che da un momento all’altro la Madonna dovesse parlargli.

Doveva dipingere soltanto il volto. Ma, accorgendosi di altre imperfezioni, decise di ridipingere tutta la statua. E così fece. La dipinse tutta, tranne i vestiti del povero S. Bartolomeo. Dipinse il mantello, le mani, i piedi, il pane, le vesti e il Bambino Gesù. Mentre dipingeva il mantello celeste, al giovane sembrava di dipingere il cielo trapunto di stelle.

Però non poteva trovare la giusta mescolanza del colore azzurro nel manto della Provvidenza: nell’azzurro infatti mancava un tocco di rosso vermiglio; proprio il colore che era finito. Dovette andare a Catania per comprare quel colore ed altri mancanti.

Dopo circa un mese il giovane terminò il lavoro.

Venne poi il giorno della festa della Madonna della Provvidenza, e la statua fu portata in processione per le vie del paese, come ogni anno.

Il giovane attendeva il passaggio della statua nella piazza principale del paese, confuso tra la folla. Cercava di scrutare eventuali imperfezioni nel volto della Provvidenza; cercava di leggere nelle facce delle persone se si fossero accorti che il viso era stato ridipinto. Man mano che la processione si avvicinava, il cuore gli batteva forte. Quando la statua gli passò vicino, i portatori la fecero sostare per permettere alla folla – come da antica consuetudine - di offrire denaro e di fare fotografie con i propri figli. La statua era proprio ad un metro di distanza. In quel momento il giovane scoppiò a piangere per la forte commozione. Gli sembrò che la Madonna della Provvidenza sorridesse. Ma fu solo una sensazione, certamente dovuta alla commozione.

Arrivato a casa, raccontò tutto a sua madre, che l’abbracciò, pianse di gioia e gli sorrise. Soltanto in quell’istante ebbe l’impressione di avere già visto quel sorriso.

La storia è finita.

Il paese dov’è accaduto realmente il fatto è Buccheri (Siracusa, Sicilia).

Il signore distinto era il cav. don Turiddu Lia, tesoriere della chiesa di S. Antonio abate di Buccheri.

Il valente scultore era il prof. Nello Benintende.

Il giovane che dipinse la Madonna della Provvidenza ero io: Tanino Cannata.

.

TANINOCANNATA.IT

Condividi questo sito web.

Share this website.

CONTACT US

Via Gramsci, 1/B 96010 Buccheri (SR)

Sicily - Italy

 

+39 368 3323028

info@taninocannata.it